Industrial IoT: il “must have” per una Smart Manufacturing

da | Apr 29, 2021 | Home, Industrial IoT, IoT, News

Mai più senza…IoT! Le soluzioni IoT diventano le protagoniste del settore industriale prendendo il nome di Industrial Internet of Things. Più efficienza, maggior produttività e stop agli sprechi per le fabbriche connesse.

Parlare di Smart Manufacturing significa parlare sostanzialmente della “fabbrica connessa”. L’innovazione digitale arriva nelle fabbriche per migliorare le performance e il controllo dei reparti produttivi. Ma come funziona una fabbrica connessa? Le fabbriche si popolano di sensori IoT in grado di monitorare e ottimizzare tre elementi fondamentali per l’ambito produttivo: processi, prodotto e persone. Ma vediamo meglio cosa intendiamo.

Smart Manufacturing: come ottimizzare processi, prodotto e persone

Come vengono ottimizzati i processi produttivi? Grazie alla presenza di sensori intelligenti, in grado di raccogliere una grande quantità di dati, e allo sviluppo di piattaforme IoT, è possibile rilevare e integrare i dati che si manifestano all’interno dei reparti produttivi. Le soluzioni IoT sono in grado di raccogliere e analizzare real time i dati provenienti da più dispositivi e macchinari per creare valore in modo semplice e veloce. È possibile, ad esempio, individuare eventuali malfunzionamenti nei processi produttivi prima ancora che si manifestino (manutenzione predittiva), verificare la funzionalità dei componenti dei macchinari e avere maggiori dettagli sulle loro performance. I dati a disposizione offrono anche un ampio resoconto della quantità di risorse utilizzate e prodotte e permettono di intervenire laddove ci siano degli sprechi o delle carenze. L’obiettivo è quello di aumentare la produttività, la flessibilità, ridurre il time-to-market e i costi del ciclo produttivo.

Smart Manufacturing significa anche controllo e ottimizzazione del prodotto. In che modo? Con le soluzioni IoT è possibile, ad esempio, gestire le scorte, le forniture, le rimanenze e l’intero magazzino in modo intelligente. Usando tag RFID e sensori IoT viene individuata l’esatta posizione dei prodotti all’interno dei magazzini, monitorando ogni risorsa in tempo reale. Ciò si traduce in maggior produttività e prestazioni nei magazzini. Con le fabbriche connesse diventa semplice e rapido scoprire tutti i punti di forza e debolezza della catena produttiva grazie ai dati ottenuti in tempo reale.

Non finiscono qui i vantaggi di una fabbrica connessa. Con la Smart Manufacturing, infatti, diminuiscono anche i tempi di inattività, migliora l’efficienza, la sicurezza dei lavoratori e viene massimizzato l’uso delle risorse. L’Industrial IoT insieme a tutte le altre tecnologie che ruotano intorno alla Smart Manufacturing  permettono di ottenere un team di lavoro più efficiente. Grazie alle nuove tecnologie, ad esempio, non si deve più perder tempo a cercare manualmente prodotti smarriti o non collocati nel posto giusto. I nuovi “colleghi digitali” aiutano i lavoratori a risparmiare tempo e ad essere più efficienti e tempestivi.

 

La centralità delle informazioni nella Smart Manufacturing

Elemento caratterizzante della Smart Manufacturing è la centralità dell’informazione. I sensori raccolgono dati e informazioni provenienti da varie fonti e li mettono su un data hub centralizzato. Questo permette di avere una visione condivisa dei desiderata dei clienti e dell’offerta proposta. Nella Smart Manufacturing, infatti, tutto è connesso, non solo le persone ma anche le risorse (macchinari, prodotti, mezzi di trasporto ecc.). Con l’introduzione di sensori IoT, le fabbriche sono guidate dai dati e questo permette di prendere decisioni più consapevoli mettendo al centro le esigenze dei clienti.

Si dice smart ma si legge “semplice”: semplice accesso ai dati – semplice condivisione degli asset – semplice attività di analytics. Le tecnologie che permettono di fare la differenza sono quelle associate all’industria 4.0.

Grazie anche ai nuovi incentivi previsti dal Piano Nazionale Transizione 4.0, volto a favorire la digitalizzazione delle aziende, aumenta l’interesse verso la Smart Manufacturing. Negli anni futuri, infatti, le tecnologie IIoT verranno sempre di più utilizzate. Si stima che ci saranno 25 miliardi di dispositivi connessi entro il 2021. A livello internazionale, ci si attende che per il mercato dell’IIoT ci sia un incremento fino a 771,72 miliardi di dollari entro il 2026.

 

delivery mappa banner data center