E-mobility: la rivoluzione green nel settore automotive

da | Apr 15, 2021 | Home, IoT, News, Smart Life

Forte crescita per il mercato dell’e-mobility dovuta sia ad una maggiore sensibilità all’impatto ambientale, sia agli incentivi governativi per l’acquisto dei veicoli elettrici.

Auto elettriche ed ibride sono il nuovo modo green per spostarsi, che sta rivoluzionando la mobilità delle grandi città. Per far fronte ai cambiamenti climatici ma anche all’elevato prezzo del petrolio, vengono proposte soluzioni innovative che rendono i veicoli elettrici sempre più una realtà concreta. L’urgente necessità di ridurre le emissioni di CO2, infatti, è uno dei principali motivi che porta i centri automobilistici ad una corsa contro il tempo per presentare nuovi modelli di veicoli elettrici nei prossimi anni.

Il concetto di e-mobility rientra nel più ampio panorama delle Smart City, le cosiddette città intelligenti, al passo con la Digital transformation, che hanno l’obiettivo di migliore la qualità della vita dei cittadini. Il mercato dell’e-mobility non è più considerato “per pochi”; aumenta così l’interesse verso questa nuova forma di mobilità. Una mobilità più smart, sicura, accessibile e sostenibile.

E-mobility: cos’è e quali sono i vantaggi

Con il termine e-mobility si intende un particolare tipo di mobilità che sfrutta l’elettricità come fonte principale di energia. Utilizzare un’auto elettrica, alimentata grazie alle colonnine di ricarica, significa sostenere l’ambiente contribuendo alla riduzione dell’inquinamento, e allo stesso tempo risparmiare sulle spese per la gestione e l’uso del veicolo.

Il settore automotive è il principale responsabile delle emissioni di CO2, motivo per cui è necessario incentivare il passaggio ai veicoli elettrici. Diversi cambiamenti come quello climatico, l’incremento del prezzo del petrolio e la Digital Transformation hanno aperto nuove possibilità di sviluppo per i veicoli elettrici.

Perché acquistare un veicolo elettrico? Quali sono i vantaggi? Il vantaggio primario è sicuramente quello a tema green. Acquistare un’auto elettrica vuol dire contribuire a preservare l’ambiente inquinando di meno. Un’auto elettrica porta con sé anche un notevole risparmio sulle spese per il carburante. I costi per ricaricare un veicolo elettrico, infatti, sono molto bassi rispetto a quelli impiegati per fare il pieno di carburante in un’auto tradizionale. Grazie all’e-mobility diminuisce anche l’impatto acustico dei grandi agglomerati urbani e i pericoli connessi ai veicoli tradizionali. Con i veicoli elettrici, infatti, aumenta la comodità alla guida grazie alla mancanza di rumori del motore e delle rispettive vibrazioni.

Tra criticità ed incentivi

Per le auto elettriche fondamentali sono le colonnine di ricarica. Costituiscono il punto chiave del servizio erogato dagli operatori, poiché è qui che vengono effettuate le ricariche. Le colonnine sono diverse tra loro. Esistono quelle “smart” che hanno, ad esempio, l’opportunità di rendere visibile il proprio status, ovvero se sono libere, occupate o fuori servizio, e di comunicare con app dedicate ecc. I tempi di ricarica e le caratteristiche tecniche sono differenti in base al tipo di colonnina.

C’è però chi è ancora scettico sul settore e-mobility. Quali sono le perplessità che ruotano intorno all’acquisto di un veicolo elettrico? Il settore dell’e-mobility non è, infatti, privo di criticità. I dubbi che maggiormente preoccupano sono quelli legati ai tempi di autonomia dei veicoli elettrici, alla durata delle ricariche (la sosta può durare, infatti, fino a tre ore), alla poca diffusione delle colonnine, alla compatibilità dei connettori ecc.

Per promuovere questo settore e convincere anche i più restii sono stati, inoltre, erogati diversi incentivi e bonus. Il nuovo Piano Transizione 4.0, infatti, punta anche sugli investimenti nel mercato dell’e-mobility e della mobilità alternativa. Tra gli incentivi adottati da diversi Stati troviamo, ad esempio, la diminuzione della tassa di immatricolazione del veicolo, esenzioni dalla tassa annuale di circolazione, incentivi all’acquisto che possono toccare fino a 10.000 €.

Intelligenza artificiale, IoT e Big Data: i protagonisti per una mobilità intelligente e sostenibile

Grazie all’innovazione digitale, c’è una soluzione concreta alle problematiche riscontrate. Le colonnine di ricarica, infatti, incarnano perfettamente il concetto di Internet of Things, dove, tramite lo scambio di informazioni, deve essere possibile far arrivare qualunque veicolo che ha bisogno di esser ricaricato. La presenza di piattaforme IoT permette oggi agli utenti di ricaricare i propri veicoli in totale sicurezza e in breve tempo.

Per incentivare l’uso dei veicoli elettrici e promuoverne la diffusione, vengono sviluppate app ad hoc che facilitano l’esperienza dell’utente. Esistono, infatti, applicazioni innovative in grado di geolocalizzare tutte le colonnine di ricarica e prenotare quella più vicina, effettuare il pagamento con carta di credito, conoscere il tempo necessario per la ricarica del veicolo, verificare se il proprio veicolo è compatibile con la colonnina, poter fare segnalazioni in caso di colonnine guaste o con anomalie ecc. Il ricorso alle nuove tecnologie emergenti, quindi, permette di superare quegli ostacoli che colpiscono il settore dell’e-mobility. In Italia il numero maggiore di colonnine si trova prevalentemente al Nord, in modo particolare in Lombardia.

A far da sfondo al settore dell’e-mobility e al più ampio concetto di Smart City troviamo, quindi, l’Internet of Things, l’intelligenza artificiale e i Big Data. La grande mole di dati ottenuta da dispositivi e piattaforme IoT si rivela una fonte preziosa per sviluppare analisi avanzate, fare interventi di manutenzione in modo tempestivo, garantire la sicurezza (monitorare, ad esempio, le condizioni delle strade per ridurre il rischio di incidenti), ottimizzare la mobilità, monitorare i flussi del traffico in tempo reale, monitorare le condizioni meteo che potrebbero danneggiare le strade, controllare il livello di inquinamento e, più in generale, migliorare la qualità e il comfort dei cittadini.

In Italia il settore dell’e-mobility è in costante aumento. Dalla ricerca condotta dall’Anfia (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica) è emerso come quest’anno, soltanto nel mese di febbraio si è assistito ad un aumento dei veicoli elettrici ed ibridi del +141,8 % rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un aumento causato sia da una maggior sensibilità al tema della sostenibilità ambientale sia dagli incentivi governativi.

e-mobility yess.energy